Marketing automation: le skills richieste per diventare un esperto

automation le skills richieste per diventare un esperto

Marketing automation: le skills richieste per diventare un esperto

La marketing automation è ad oggi uno strumento fondamentale per le attività di marketing in modo integrato. Le aziende devono infatti riuscire ad emergere in un mercato con sempre maggior competizione. Diventa quindi più importante:

  • trattenere i propri clienti;
  • svilupparne il potenziale;
  • eseguire una comunicazione costante e personalizzata;
  • ottimizzare in generale i costi delle attività di marketing.

Di questo e molto altro, si occupa la marketing automation. Scopriamolo insieme!

Indice
Digital Marketing
Scopri i corsi riconosciuti Miur

Che cos’è la marketing automation

La marketing automation è un insieme di attività e tecnologie che permettono di automatizzare e ottimizzare le campagne marketing su più canali. Lo strumento è fondamentale per permettere agli esperti di focalizzare la propria azione su attività strategiche ad alto valore aggiunto.

Tra le funzioni principali troviamo:

  • Lead Management: permette di governare il database contatti e lavorare in modo più o meno automatizzato;
  • Lead & User Tagging and Segmentation: permette di segmentare il database contatti sulla base di comportamenti osservati;
  • Lead & User Scoring: permette di calcolare punteggi basati su dati d’interazione. Questi sono utili sia per segmentare il pubblico in base agli interessi sia per verificare la propensione all’acquisto;
  • Web Analytics: set di funzioni che permette di analizzare il comportamento degli utenti sulle proprietà digitali dell’azienda. Queste vengono poi paragonate con metriche dimensioni classiche del marketing. In questo modo si ottengono analisi complete rispetto alle performance di campagna;
  • Website Personalization, permette la personalizzazione dell’esperienza dell’utente sulla base delle precedenti interazioni;
  • Landing Page Management: permette di creare landing page tramite editor visuali senza dover avere skills tecniche;
  • Reporting: permette di estrarre dal sistema dei report di performance e di stato. Ad esempio disponibilità di contatti, distribuzione per una determinata dimensione di analisi.

Professionisti ed esperti nel settore

L’ introduzione della marketing automation di certo modifica la modalità in cui un’azienda si approccia al marketing e alle vendite. Inoltre come vedremo in seguito, con l’avvento dell’intelligenza artificiale le possibilità si moltiplicano ancora di più.

Aziende e corporate dovranno trasformarsi e avranno sempre più bisogno di strumenti e processi di questo tipo per riuscire a essere competitive.

Per questo motivo aumenterà anche la necessità di professionisti e specialisti del marketing con competenze adeguate tra cui:

  • progettazione e realizzazione di flussi automatizzati di email marketing e campagne email;
  • interpretazione dell’analisi delle campagne per misurare le prestazioni e individuazione dei punti deboli nel sistema;
  • implementazione di strategie innovative e interpretazione delle stesse;
  • sviluppo di idee di comunicazione e nuovi concetti di marketing per la creazione delle campagne;
  • conoscenza delle principali piattaforme di Marketing Automation, con relativi tool e integrazioni,
  • creazione di contenuti, scrittura SEO e scrittura UI/UX;
  • competenze in HubSpot, Marketo e Oracle Eloqua;
  • esperienze di lavoro su campagne di email marketing, lead generation, nurturing e Google Analytics; 
  • capacità di copywriting, social media management e design dell’interfaccia utente;
  • conoscenza di base di HTML/CSS.

Questa figura professionale, come abbiamo visto insieme, è fondamentale per poter implementare e gestire attività legate a marketing ed automazione.

Marketing automation e Intelligenza artificiale

Cosa succederà in futuro grazie all’Intelligenza artificiale?

Le attività di marketing ripetitive hanno avuto nel passato elementi di disuniformità che non le rendevano sempre automatizzabili. In tempi recenti la marketing automation ha avuto aggiornamenti e sviluppi grazie soprattutto a:

  • progressivo sviluppo dell’ Intelligenza artificiale
  • diffusione di algoritmi;
  • creazione di librerie e tecnologie di machine learning e deep learning.

Grazie a ciò spazio della marketing automation al giorno d’oggi è già molto ampio in vari ambiti e con più funzioni:

  • classificare comportamenti dei lead e nel tagging automatico;
  • generare campagne di paid advertising e sviluppare piccole personalizzazioni nella comunicazione. Lo fa partendo da dati raccolti sul web sulla base del quale addestrare il proprio comportamento.
  • identificare anomalie nei flussi di automation e nelle campagne.

L’intelligenza artificiale, applicata all’automazione delle attività di marketing ha una particolarità. Necessita dati sulla base di cui imparare che siano ben strutturati e con un chiaro obiettivo di business.

Per questo è estremamente importante pianificare una strategia di tracciamento e misurazione coerente con la strategia di marketing. Misurare è fondamentale sia per l’analisi sia per il funzionamento corretto delle cose. Solo così le campagne possono performare.

Introduzione nelle aziende

Per introdurre la marketing automation nelle aziende è necessario che la stessa possieda dei prerequisiti quali:

  • maturità digitale elevata;
  • forte integrazione di marketing e sales;
  • processi ben definiti e formalizzati.

Spesso, all’interno di una realtà lavorativa, non tutte le aree soddisfano questi fattori. È quindi sensato individuare un unico settore i cui introdurre inizialmente la marketing automation, per poi eventualmente ampliarla in altri.

È inoltre necessario:

  • definire gli obiettivi: identificare, fissare e comunicare gli obiettivi. In questa fase è importante coinvolgere chi leggerà i dati e chi operativamente lavorerà sui percorsi di automazione. Gli obiettivi devono essere quantificabili, misurabili e verificabili e la comunicazione degli stessi chiara e efficace;
  • analizzare tutte le tecnologie già adottate per archiviare e analizzare i dati. Per ogni strumento è importante analizzare funzioni, livello di utilizzo, dati presenti e modalità di comunicazione e scambio dati con il sistema;
  • scegliere la nuova tecnologia: definire le necessità in termini di funzioni) e di caratteristiche del sistema. Considerare anche con attenzione le integrazioni necessarie ed eventuali vincoli di prezzo e di tempo;
  • introdurre la soluzione: la scelta deve adattarsi alle necessità che sono scaturite dalle analisi precedenti. Si può introdurre la soluzione all’inizio in solo pezzo di processo o una divisione di azienda.
Lancia la tua carriera digitale
Social Media Manager
Scopri il corso con certificazione riconosciuta
SEO Specialist
Scopri il corso con certificazione riconosciuta

Lascia un commento