Sfida engagement social: analisi tra video, sondaggi e post statici

engagement social

Engagement social: coinvolgere con video, sondaggi e post statici

Ad oggi, una delle priorità di tutti i marketer per riuscire a differenziarsi dai competitor è riuscire a creare il giusto engagement social. E per farlo si utilizzano soprattutto video, reel, sondaggi e post statici. Obiettivo principale: rendere il proprio contenuto virale e far ottenere la maggiore visibilità possibile al proprio brand.

Analizziamo al meglio insieme cosa funziona a livello social nel 2023!

Indice
Content Marketing
Scopri i corsi riconosciuti Miur

Engagement social: di cosa stiamo parlando?

Per comprendere al meglio il concetto, è necessario fare un passo indietro e concentrarsi sulla definizione di engagement. Si tratta della capacità di prodotti/servizi di instaurare relazioni longeve con i propri utenti. Di conseguenza l’engagement social punta ad instaurare un rapporto ottimale tramite tale mezzo.

Attraverso l’engagement infatti si crea un legame tra brand e consumatore. Il rapporto è più duraturo ove si hanno molte informazioni sugli utenti che permettono di mettere a punto tattiche appropriate.

Per misurare l’engagement è necessario verificare:

  • visite ripetute a un sito;
  • acquisto ripetuto;
  • commenti lasciati su post;
  • numero di pagine visualizzate per utente;
  • frequenza di rimbalzo.
 

L’ obiettivo non è quindi la vendita conclusiva, ma il livello di attenzione che viene riservato ai consumatori. È indispensabile far sì che gli utenti siano:

  • ascoltati e presi in considerazione attraverso conversazioni dedicate;
  • interessati ripetere le interazioni vissute
  • portati a stabilire un legame emotivo con il brand o il prodotto.

Lo scopo dell’engagement, infatti, è indurre gli utenti a rimanere fedeli a brand e servizi. Il risultato che si ottiene è un comportamento attivo da parte del cliente, che agisce tramite attività come la pubblicazione di recensioni.

Post statici e video all’epoca di TikTok

La rapida ascesa dei contenuti video di breve durata e reels di TikTok ha acceso la rivalità con i post statici dei mezzi social più tradizionali.

I post statici sono contenuti non interattivi che includono:

  • foto;
  • infografiche;
  • meme;
  • caroselli;
  • screenshot. 

A differenza dei contenuti dinamici, quelli statici non catturano il movimento e non consentono l’interazione diretta dell’utente.

Ad ogni le immagini statiche sono ancora oggi fondamentali per il rapporto tra brand e social media. Hanno infatti rivoluzionato il marketing grazie alle dinamiche di condivisione delle immagini online e modalità di relazione tra marchio e utenza.

Inoltre i post statici non sono necessariamente noiosi.Ad esempio il meme marketing è un’opportunità per promuovere il proprio brand sui social media in modo originale. I contenuti sono diretti, virali ed utili nella costruzione del feed di un brand. Ogni marketers può in base alle caratteristiche di prodotti/servizi, sperimentare un mix di contenuti culturali e di entartaintment. 

Altri formati statici come caroselli e grafici sono adatti a sfruttare lo storytelling e educare il pubblico di un brand. Il formato carosello consente di condividere fino a 10 contenuti nello stesso post concentrati sullo stesso tema. Far scorrere un’immagine è come sfogliare un libro e permette di evolvere una storia in modo assolutamente libero, quando vuole l’utente.  

Engagement social: la soluzione migliore nel 2023
 
Come abbiamo visto insieme finora l’engagement social ad oggi non deriva solo più dai contenuti video. Anzi, pare che il pubblico sia meno interessato nella fruizione di contenuti video. In base ad alcune recenti ricerche la maggior parte di persone valuta le immagini statiche come più coinvolgenti.
 
I social marketer si sono quindi chiesti quale sia la strada migliore da seguire per la gestione dei social media, tra contenuti statici e video. La risposta è che entrambi sono fondamentali per il successo complessivo di un brand. 
Un sondaggio di Sprout pulse del 2023 ha rilevato alcuni dati a proposito:
 
  • 59% si concentrerà maggiormente sulle immagini;
  • 53% aumenterà la quantità di video da 5-15 secondi;
  • 49%: creerà più video da 16-30 secondi. 
 
È quindi importante riuscire a individuare il giusto mix di contenuti ideale, valutando i pro e i contro di ogni tipologia statica e dinamica.
 
Come abbiamo analizzato insieme il concetto di social engagement nel marketing chiama in causa un approccio qualitativo più che quantitativo.
È necessario valutare:
  • livello delle relazioni sociali;
  • coinvolgimento del consumatore;
  • conseguenti frequenze di acquisto.
 
Gli indicatori qualitativi evidenziano il grado di complessità che contraddistingue il consumer journey all’epoca dei social network. E di conseguenza la consuetudine ad acquisti su web tramite shopping online.
 
Consigli per aumentare il grado di coinvolgimento
 
Come abbiamo visto insieme nel mondo digitale di oggi, le aziende dovrebbero essere reattive e connesse con i propri clienti. L’engagement social è molto importante. Non è sufficiente vendere prodotti eccellenti perché i clienti vogliono un’esperienza a 360 gradi con il brand.
 
L’ evoluzione attuabile grazie e tramite ai social network è la ceazione di:
 
  • esperienze d’acquisto il più personalizzate possibile, che permettano di sentirsi parte dell’azienda;
  • risposte rapide e in tempo reale, che creino una relazione stretta con il brand;
  • rapporti chiari e trasparenti, per avere la dimostrazione dell’affidabilità del marchio.
 
Gli utenti diventano così parte di una grande famiglia interconnessa, implementando nuovi modi per porre a termine un acquisto grazie a:
  • alto numero di ricerche tramite web;
  • feedback positivi;
  • raccomandazioni consigliate;
  • paragoni di prezzo tra brand.
 
Le aziende devono conseguenza dotarsi di:
  • piattaforma dotata di dati continuamente aggiornati degli utenti;
  • interazione diretta con il consumatore;
  • esperienza personalizzata;
  • creazione di contenuti multi-brand.
 
Questi i presupposti per una crescita positiva della brand reputation per le aziende nel 2023 Vedremo cosa succederà!
Lancia la tua carriera digitale
Social Media Manager
Scopri il corso con certificazione riconosciuta
SEO Specialist
Scopri il corso con certificazione riconosciuta

Lascia un commento