Hai una domanda?
Messaggio inviato Chiudi

Amazon ads: come fare pubblicità in Amazon

Amazon ads

Amazon ads: annunci sponsorizzati in Amazon

Tra le tecnologie pubblicitarie che si sono fatte strada nel mondo dell’advertising, Amazon Ads non ha proprio bisogno di presentazioni. Infatti, negli ultimi anni, il colosso dell’e-commerce ha sviluppato una serie di soluzioni pubblicitarie avanzate che hanno rivoluzionato il modo in cui le aziende possono promuovere i loro prodotti e servizi.

Scopriamo quali sono.

Indice
Come vendere sui marketplace
Scopri i corsi riconosciuti Miur

L’evoluzione di Amazon Ads: la storia

Amazon Ads è una piattaforma pubblicitaria online di proprietà di Amazon.com, lanciata nel 2007 con il nome di Amazon Associates. Questa prima versione permetteva agli affiliati di guadagnare commissioni sulle vendite generate dai loro link di riferimento.
Nel 2012, Amazon ha ampliato il suo impegno nel settore pubblicitario con il lancio di Amazon Media Group (AMG), Amazon Marketing Services (AMS) e Amazon Advertising Platform (AAP). Tali servizi si concentravano inizialmente su annunci di tipo search e display all’interno del sito di Amazon, consentendo ai rivenditori di emergere nei risultati di ricerca.

La svolta significativa è arrivata nel 2019 con il lancio della Demand Side Platform (DSP) di Amazon, che ha permesso di utilizzare i dati di Amazon per la targetizzazione degli utenti anche al di fuori delle proprietà di Amazon. Questo ha rappresentato un punto di svolta nella strategia pubblicitaria di Amazon. E ha consentito una crescita esponenziale delle sue entrate pubblicitarie.

La crescita di Amazon Adv

Secondo Statista, tra il 2017 e il 2022, le entrate di Amazon Ads sono passate da 4 miliardi a oltre 40 miliardi di dollari. Questa crescita vertiginosa è stata alimentata da diversi fattori:

Crescita dell’ecommerce: la pandemia ha accelerato il digital e l’eCommerce, creando un’opportunità per le aziende di raggiungere un pubblico vasto e mirato attraverso Amazon.

Evoluzione dei dati: Amazon dispone di una vasta gamma di dati sui suoi clienti, che possono essere utilizzati per creare campagne pubblicitarie altamente efficaci.

Ampliamento delle properties: Amazon ha ampliato il suo portfolio includendo app come Prime Video, Amazon Music, Twitch e IMDb, offrendo nuovi spazi per la pubblicità.

Innovazione tecnologica: Amazon investe costantemente in nuove tecnologie pubblicitarie come l’intelligenza artificiale e il machine learning per ottimizzare le campagne.

Amazon Adv offre una varietà di soluzioni pubblicitarie che coprono tutto il funnel di vendita, rivolgendosi sia agli inserzionisti che vendono direttamente sul portale sia a quelli che operano al di fuori della piattaforma.

Amazon Adv Console

La Amazon Adv Console è pensata principalmente per gli inserzionisti che vendono prodotti su Amazon. Tramite questa piattaforma self-service, gli inserzionisti possono gestire campagne basate su una logica pay-per-click.

Le principali soluzioni sono per esempio:

  • Sponsored products: pubblicizza singoli prodotti all’interno dei risultati di ricerca e nelle pagine prodotto.
  • Sponsored brands: promuove il brand all’interno dei risultati di ricerca, mostrando una gamma di prodotti.
  • Sponsored brand videos: utilizza video per portare traffico alla pagina prodotto o allo store.

Amazon Demand Side Platform (DSP)

La Amazon DSP si rivolge sia agli inserzionisti che vendono su Amazon, sia a quelli che operano fuori dalla piattaforma.
Permette di utilizzare i dati e l’inventory di Amazon per creare campagne pubblicitarie su diverse properties, tra cui:

  • Amazon.it: annunci all’interno del sito e dell’app di Amazon.
  • Amazon Owned and Operated (O&O): Annunci su proprietà di Amazon come IMDb, Twitch e Fire TV.
  • Siti di terza parte: annunci su siti esterni tramite vari exchange.


La DSP offre soluzioni che coprono ogni fase del funnel, con particolare attenzione alla fase TOFU (Top of the Funnel). E richiede un investimento minimo significativo di 35.000 dollari.

Cosa aspettarsi da Amazon Adv in futuro

Amazon Adv continua a espandersi nel panorama digitale, posizionandosi come uno dei principali avversari di Google nella vendita pubblicitaria.
Le previsioni per il 2024 sono molto positive, con entrate stimate attorno ai 45 miliardi di dollari e un ulteriore aumento previsto a 68 miliardi di dollari per il 2025.

La crescita sarà guidata da diverse aree chiave, tutte ben posizionate per sfruttare i grandi cambiamenti in corso nel mondo dell’advertising.

Le aree di crescita di Amazon Adv

La pandemia di COVID-19 ha dato un grande impulso agli eCommerce, e questa tendenza continua anche dopo la fine dell’emergenza sanitaria.
La Generazione Z, in particolare, è diventata una delle forze più trainanti degli acquisti online, grazie alla flessibilità offerta dai siti e-commerce, ai resi gratuiti, alle consegne veloci e alla possibilità di personalizzare i prodotti.

Amazon, essendo il più grande retailer del mondo con quasi 2 milioni di utenti attivi al mese solo in Italia, è destinato a beneficiare enormemente di questo sviluppo, raccogliendo non solo entrate dirette, ma anche preziosi dati sugli utenti.

Retail media

Amazon Adv è ormai sinonimo di retail media, la pratica in cui grandi retailer vendono ad altri inserzionisti i dati e gli spazi disponibili sulle loro properties.
Nel 2023, Amazon ha registrato le revenues più alte negli USA nel settore del retail media, grazie alle sue diverse soluzioni che includono display ads, dati di prima parte e l’inventory su media innovativi come Fire TV e Alexa.

La capacità di targeting di Amazon rende il gigante tecnologico uno dei player meglio equipaggiati per cogliere le opportunità offerte dal retail media.

Connected TV e pubblicità su Amazon Prime

La spesa mondiale in inserzioni su Connected TV (CTV) dovrebbe raggiungere i 26 miliardi di dollari nel 2024. Amazon si trova in una posizione privilegiata per trarre vantaggio da questa crescita, grazie a Fire TV, che offre spazi pubblicitari sia in modalità managed che tramite DSP.
Inoltre, il lancio di piani con pubblicità su Prime Video negli USA a partire dal 29 gennaio 2024, a un costo di 2,99 dollari al mese, rappresenta una nuova opportunità.

Con l’esclusiva su eventi sportivi in diretta come la UEFA Champions League in Italia, Amazon può attrarre un ampio pubblico anche nel mercato della pubblicità in streaming.

Integrazioni social

Nell’estate scorsa, Amazon ha annunciato partnership con Snapchat, Instagram e Facebook, permettendo agli inserzionisti di erogare annunci ecommerce direttamente all’interno delle inventory di queste piattaforme social.

Gli utenti possono concludere la transazione direttamente dall’interfaccia social, rendendo il processo di acquisto ancora più fluido. Questa soluzione, che sarà disponibile a breve anche in Italia, offre nuove opportunità agli inserzionisti per raggiungere i loro target in modo efficace.

Lancia la tua carriera digitale
Social Media Manager
Scopri il corso con certificazione riconosciuta
SEO Specialist
Scopri il corso con certificazione riconosciuta

Lascia un commento