Cos’è e come funziona l’Advertising programmatic

Advertising programmatic - strategia pubblicitaria

Advertising programmatic: approccio automatizzato

L’Advertising Programmatic è una strategia pubblicitaria basata sull’utilizzo di algoritmi e software per l’acquisto e la gestione degli spazi pubblicitari digitali.

Questo approccio automatizzato ha portato a una trasformazione significativa nell’industria dell’advertising, consentendo agli inserzionisti di raggiungere il loro pubblico target in modo più preciso ed efficiente. Nel corso degli anni, l’Advertising programmatic ha guadagnato sempre più importanza, diventando una delle principali tendenze del settore.

Indice
SEO Manager
Scopri i corsi riconosciuti Miur

 Advertising programmatic: che cos’è

L’Advertising programmatic si riferisce al processo di acquisto di spazi pubblicitari digitali attraverso l’utilizzo di algoritmi e sistemi automatizzati. Questo metodo consente agli inserzionisti di pianificare, acquistare e ottimizzare le loro campagne pubblicitarie in modo efficiente e mirato. La pubblicità viene acquistata in tempo reale, basandosi su dati demografici, comportamentali e contestuali per raggiungere il pubblico desiderato nel momento e nel luogo giusto.

Gli obiettivi dell’Advertising programmatic includono:

  • la massimizzazione dell’efficacia delle campagne pubblicitarie;
  • l’aumento del ROI (Return on Investment) degli annunci;
  • la riduzione dei costi.

Questo approccio consente agli inserzionisti di raggiungere il loro pubblico target in modo più mirato, incrementando la rilevanza degli annunci e migliorando l’esperienza degli utenti. L’Advertising programmatic, inoltre, consente una maggiore precisione nella misurazione delle performance delle campagne pubblicitarie, fornendo dati dettagliati sull’efficacia degli annunci stessi.

L’Advertising programmatic offre numerosi vantaggi, tra cui una maggiore efficienza nell’acquisto di spazi pubblicitari, una migliore precisione nel targeting degli utenti e una maggiore personalizzazione delle campagne pubblicitarie.
Questo approccio automatizzato consente agli inserzionisti di ottimizzare le loro strategie pubblicitarie in tempo reale, adattandole alle preferenze e ai comportamenti degli utenti.

L’Advertising programmatic, inoltre, consente di raggiungere il pubblico desiderato attraverso diversi canali e dispositivi, offrendo una maggiore copertura e visibilità per i marchi. Grazie all’utilizzo di algoritmi e analisi avanzate, infine, si può ottenere una maggiore precisione nella misurazione dei risultati e nell’ottimizzazione delle campagne pubblicitarie.

Processo dell’Advertising programmatic

Il processo dell’Advertising Programmatic è il flusso di attività che coinvolge diversi attori e tecnologie per l’acquisto e la vendita di spazi pubblicitari online in tempo reale.
Questo processo si basa sull’automatizzazione e sfrutta algoritmi sofisticati per ottimizzare le campagne pubblicitarie e massimizzare il valore degli inventari pubblicitari dei publisher. Vediamo come funziona il processo dell’Advertising Programmatic.

Si inizia con l’identificazione del target di pubblico. Gli inserzionisti definiscono il proprio pubblico di riferimento in base a criteri demografici, comportamentali, geografici e contestuali utilizzando dati provenienti da fonti interne o esterne, come le Data Management Platform (DMP).

Il passo successivo consiste nell’impostazione degli obiettivi della campagna. Gli inserzionisti stabiliscono gli obiettivi della loro campagna pubblicitaria, che puntano all’aumento della consapevolezza del marchio, a generare lead, all’incremento delle vendite o alla promozione di un’azione specifica.
Gli inserzionisti utilizzano le DSP (Demand Side Platform) per acquistare spazi pubblicitari online in modo automatizzato.
Gli inserzionisti, attraverso le DSP, possono impostare i parametri della loro campagna, come il target di pubblico, il budget, la durata della campagna e gli obiettivi di ottimizzazione. Le DSP partecipano a un’asta in tempo reale su Ad Exchange per acquistare gli spazi pubblicitari disponibili. Gli inserzionisti, durante l’asta, fanno offerte per mostrare i propri annunci agli utenti in base ai parametri definiti.

I publisher utilizzano le SSP (Supply Side Platform) per vendere il proprio inventario pubblicitario in tempo reale. Le SSP consentono, infatti, ai publisher di mettere all’asta gli spazi pubblicitari disponibili e di massimizzare il valore dei loro inventari.

Ottimizzazione delle campagne pubblicitarie e analisi delle prestazioni

Il processo chiave dell’Advertising Programmatic è il RTB (Real-Time Bidding), ovvero l’istante in cui gli spazi pubblicitari vengono venduti e acquistati in tempo reale attraverso un’asta automatizzata su Ad Exchange.
Durante l’RTB le DSP offrono un determinato prezzo per mostrare i loro annunci agli utenti, in base alle caratteristiche del pubblico.

Le DSP e le SSP utilizzano algoritmi avanzati per ottimizzare automaticamente le campagne pubblicitarie, in base alle prestazioni in tempo reale. Questi algoritmi possono regolare le offerte, modificare i target di pubblico e ottimizzare la distribuzione degli annunci per massimizzare il ROI degli inserzionisti e massimizzare il valore per i publisher.

Gli inserzionisti monitorano e analizzano le prestazioni delle loro campagne pubblicitarie utilizzando metriche chiave, come il tasso di clic (CTR), il costo per clic (CPC), il costo per mille impressioni (CPM) e il ritorno sugli investimenti (ROI). Basandosi sui risultati ottenuti, gli inserzionisti apportano eventuali aggiustamenti alle loro strategie di targeting e ottimizzazione per migliorare le prestazioni future delle campagne pubblicitarie.

Il processo dell’Advertising Programmatico, quindi, è un ecosistema complesso e altamente automatizzato che coinvolge diversi attori e tecnologie per rendere l’acquisto e la vendita di spazi pubblicitari online più efficienti, mirati ed efficaci.

L’evoluzione dell’Advertising Programmatic

Il settore dell’Advertising Programmatic è in costante evoluzione, influenzato da nuove tecnologie, cambiamenti nel comportamento dei consumatori e sviluppi normativi.
Con sempre più persone che utilizzano dispositivi mobili per accedere a Internet, la pubblicità mobile continua a crescere rapidamente nel settore dell’Advertising Programmatic. Gli inserzionisti stanno aumentando gli investimenti nelle campagne pubblicitarie mobile per raggiungere il pubblico in movimento in modo più efficace.

Il video sta diventando sempre più popolare tra gli inserzionisti, che cercano di coinvolgere gli utenti in modo più efficace. Questa modalità consente agli inserzionisti di mostrare annunci video personalizzati agli utenti, in base ai loro interessi e comportamenti.

L’intelligenza artificiale e il machine learning stanno rivoluzionando il modo in cui vengono gestite le campagne pubblicitarie. Gli algoritmi avanzati, infatti, possono analizzare enormi quantità di dati per ottimizzare le strategie di targeting, migliorare le prestazioni delle campagne e prevedere i comportamenti futuri dei consumatori.

Header Bidding è una tecnica che consente ai publisher di ottenere offerte simultanee da più SSP prima di inviare la richiesta di pubblicità a una DSP. Questa tecnologia consente ai publisher di massimizzare il valore dei loro inventari pubblicitari e migliorare la trasparenza e l’equità nel processo di acquisto di spazi pubblicitari. Con la crescita dei podcast e dello streaming audio online, la pubblicità audio sta diventando sempre più popolare. Gli inserzionisti possono raggiungere il proprio pubblico attraverso annunci audio personalizzati che vengono riprodotti durante la fruizione di contenuti audio.

Gli inserzionisti stanno sempre più adottando approcci cross-channel per le proprie strategie pubblicitarie, integrando campagne su diversi canali come display, video, mobile e social media. Questo approccio consente agli inserzionisti di raggiungere gli utenti su più piattaforme e di fornire un’esperienza coesa e integrata.

Acquisto di spazi pubblicitari digitali e la privacy dei dati

La privacy dei dati è diventata una preoccupazione sempre più rilevante nel settore dell’Advertising Programmatic, poiché la raccolta e l’uso dei dati personali dei consumatori sono al centro delle strategie di targeting e personalizzazione delle campagne pubblicitarie. La conformità normativa, quindi, è diventata una priorità per gli inserzionisti e i publisher. Le aziende devono, infatti, assicurarsi di rispettare le normative sulla privacy dei dati e garantire la trasparenza nell’uso dei dati dei consumatori nelle campagne pubblicitarie.

Il settore dell’Advertising Programmatic è in continua evoluzione, spinto da innovazioni tecnologiche, cambiamenti nel comportamento dei consumatori e nuove normative sulla privacy dei dati. Le aziende devono, quindi, rimanere al passo con queste tendenze e adottare approcci innovativi per massimizzare l’efficacia delle proprie campagne pubblicitarie.

Le nuove normative sulla privacy dei dati, come il GDPR in Europa e il CCPA in California, hanno introdotto regole più rigide e standard più elevati per la gestione e l’uso dei dati personali nel settore dell’Advertising Programmatic. Gli inserzionisti devono, quindi, essere consapevoli di queste normative e adottare misure adeguate per garantire la conformità e proteggere la privacy dei consumatori nelle loro attività pubblicitarie.

Lancia la tua carriera digitale
Social Media Manager
Scopri il corso con certificazione riconosciuta
SEO Specialist
Scopri il corso con certificazione riconosciuta

Lascia un commento